La Notte Dei Cosplay Viventi

Venerdi' sono stata a vedere Halloween a Shibuya.
Che io pensavo vabe', tutti i club organizzeranno una qualche specie di festa, ma se vado a farmi un giro per le strade trovo sicuramente un paio di tizi mascherati a cui fare qualche foto interessante. Giro un po', mi bevo un paio di birrette del combini, mi diverto senza spendere tanto.
Effettivamente mi sono divertita senza spendere tanto, per quello si'. L'unica cosa che avevo calcolato male era la cosa del "paio di tizi".

Immagine presa da qui
Shibuya era invasa. Ricoperta. Allagata di persone. Non c'era un centimetro libero, ovunque andavo ero immersa in un mare di gente, tutte in maschera, tutte fuori di testa.



La cosa affascinante e' che non e' nemmeno la loro cultura. Sono sicura che il 90% dei giapponesi non sa nemmeno da dove e' arrivato e che cosa significa. Come molte altre festifita' occidentali (Natale, San Valentino), Halloween e' stato importato in Giappone come scusa per fare soldi. Tanti soldi.



La differenza tra l'halloween giapponese e quello occidentale? Non ne sono interamente sicura, dato che non l'avevo mai festeggiato prima. Ho visto bambini fare dolcetto o scherzetto; il quartiere dove abitavo l'anno scorso ha organizzato una retata di gruppo a tutti i cafe' e ristoranti del quartiere. Ovviamente pero' non e' questa la maggiore attrazione di Halloween: la maggiore attrattiva per il popolo del kawaii e' quella di avere una scusa in piu' all'anno per fare cosplay.


Che genere di costumi andavano forte quest'anno? Vediamo insieme una breve top list stilata da Stila:

- principessa Disney (parecchie Jasmin, molte Minnie e un casino di Alice). Dai ad una ragazza giapponese la possibilita' anche remota di vestirsi da principessa Disney e lei ci si vestira'.
- spiderman (fantasia!)
- infermiera (nelle varianti sexy o zombie)
- carcerato
- personaggio di anime (sempre molto in voga One Piece, ho visto un gruppo di una 15 di persone fare tutta la ciurma, splendidi)
- poliziotti (nelle versioni sexy e zombie)
- personaggio del floklore giapponese (zombie in kimono, yokai, inari e altre maschere)
- scolaretta (nelle versioni sexy, cute e zombie)
- Wally di where's Wally (non ho idea del perche' ma ce n'erano interi gruppi)



La maggior parte della gente si vestiva da un personaggio a caso e ci aggiungeva il trucco da zombie.
Ovviamente la cosa era organizzata in gruppi che andavano da 2 a 7-8 persone con lo stesso costume, perche' i giapponesi non fanno mai niente da soli.

Non ho scattato tante foto come avrei voluto, ma la concentrazione impensabile di esseri umani lo rendeva difficoltoso specialmente perche' avevo il triplo task di bere birra, fare foto e guidare un uomo-papera tra la folla, che non ci vedeva una mazza ma si divertiva un mondo a spavantare le ragazzine.



Avete presente i negozi che fanno tutto in anticipo quando si tratta di feste? Ad esempio, il supermercato che comincia a vendere addobbi natalizi e panettone ad ottobre. Io ho sempre detestato quest'avida abitudine commerciale, ma credo di essere entrata in un nuovo universo da quando mi sono trasferita in giappone.
Dovete sapere che qui e' tutto a tema. Ci sono le quattro stagioni, c'e' san Valentino, il white day, la festa della mamma, del papa', la festa dei bambini, Halloween, Natale, e avanti. Per ognuna di queste ricorrenze qui tutto diventa a tema. Le decorazioni nelle strade, i dolci, il cibo, le lattine di birra, le patatine, la coca-cola, il kitkat, tutto. La gente adora le edizioni speciali, le edizioni limitate e le collezioni.


Tanto per farvi vedere, queste qui sopra sono le quattro versioni della birra Kirin in lattina, una per ogni stagione: i sakura in primavera, i fuochi d'artificio in estate, le foglie d'acero rosse in autunno e la neve in inverno. Qui non c'e' bisogno del calendario per sapere in che mese siamo, basta guardare il packaging.

Ma stavamo parlando di negozi che cominciano a vendere presto. Ebbene, quest'anno la birra autunnale era in vendita a fine agosto. Si moriva dal caldo, gli alberi erano verdi, il sole spaccava i sassi e le tipe in yukata ancora popolavano la metropoli e lei era li', con le sue cazzo di foglie d'acero. No, mi sono detta, io la birra d'autunno la bevo in autunno, mica faccio quello che vogliono loro, combatti il potente. E ho aspettato. E' arrivato ottobre, le giornate rimanevano belle, foglie rosse ancora non se ne vedevano ma, ho pensato, in fondo ad ottobre comincia l'autunno, il tempo e' perfetto, perche' no. E sono scesa nel supermercato sotto casa per scoprire che la birra autunnale era stata sostituita dalla birra invernale.
Stessa cosa con Halloween. Due mesi prima hanno cominciato a vendere zucche e costumi da strega e il giorno prima (non dopo, prima!) del 31 ottobre sono passata dal 100 yen shop per vedere se avevano qualche cappello diveretente da mettermi per andare al lavoro al bar, e mi sono trovata di fronte ad una schiera di Babbi Natale.

Non imparo mai.

10 rockers:

  1. hey bionda, devo dire che il tuo ritorno è in grande stile, i post sono uno più bello dell'altro.
    Ma mi son rimaste due cose:
    1. lavoro al bar?
    2. ma quanto sono gnocche le giapponesine? o è un caso delle foto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hey, sono very felice che i nuovi post siano apprezzati. :)
      1. Come dicevo qualche post fa, una volta alla settimana (questo non l'ho specificato) lavoro in un punk bar.
      2. No, non e' un caso delle foto. Sulle ragazze giapponesi ci potrei scrivere un post, e mi sa che magari lo scrivo per davvero. Grazie dell'idea ;)

      Elimina
  2. Mi unisco al coro di "tanti cuori alle giapponesine fighe"! :D
    Comunque grazie cuggi per acculturarmi sul Giappone... è sempre bello leggerti e le foto stupende :) (però c'è qualche refuso eh... ok non potevo non metterci il commento da sì-ho-fatto-scuole-alte-e-insegno-italiano, sennò ti manco troppo!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eeeh lo so ;) quando scrivo il blog faccio un attimo meno attenzione... per non parlare degli accenti che sono costretta a scrivere con gli apostrofi!
      Mi mancava "faccio scuole alte" XD

      Elimina
  3. Adoro la foto del medico con la papera!!

    RispondiElimina
  4. muahahah i giappici non finiscono mai di stupire! :D Succhan caxxo che bei post ! mi unisco a tutto quanto detto dagli altri! fai sempre venir voglia di partire!

    ora non puoi piu` smettere di scrivere! :D

    PS: voglio una testa di papero anche io!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sanchi, le teste di papero le vendono al Donkihote, ovviamente XD

      Elimina
  5. Ma c'ero anche io quella sera a Shibuya! XD
    Stila, come ti capisco!
    Per fare i pochi metri da Hachiko all'ingresso della metro c'ho messo mezz'ora, mentre un amico che era con me andava in visibilio per ogni poliziotta/infermiera/alice di turno! XD
    Faceva pure freschino, ste ragazze mezze nude che passano dicendo : "Samui~!"... e grazie al c...! XD
    Comunque ste ragazze giapponesi... almeno 9 su 10 indossano una gonna, possibilmente corta.
    Mi sono sentita un'aliena, e non perché ho glil occhi verdi e sono occidentale, ma perché non avevo portato una gonna! XD
    Comunque hai ragione: Halloween è perfetto per il Giappone e per permettere ai giapponesi di fare un altro po' di cosplay. ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai visto che casino incredibile??
      Alla stazione il binario era stracolmo di gente... c'era un tizio con un costume gigante di cartone che bloccava il traffico, a un certo punto l'addetto della stazione esasperato ha urlato "そのダンボール、畳むことできませんか?"(non si può piegare quel cartone??) e tutti si sono messi a ridere :D

      Nooo come puoi girare per Tokyo senza minigonna? Barbara ;) c'è da dire comunque che le giapponesi mica hanno capito come funzionano le gonne... basta vederle quando salgono le scale, si siedono o vanno in bici...

      Elimina

 

Post più popolari